Wine2Wine Preview: Intervista a Paul Howard (seconda parte)

Wine2Wine Preview: Intervista a Paul Howard (seconda parte)

Paul Howard è uno dei molti relatori che si avvicenderanno sui palchi del prossimo Wine2Wine per parlare del futuro che verrà nel mondo del vino, e di quello che è già qui. E tra le tecnologie destinate ad avere un impatto significativo sul settore c'è quella della blockchain, di cui Paul è un esperto internazionale. Nel precedente post, ci ha spiegato cos'è la blockchain e in che modo aiuterà a trasformare anche questo mondo: in quest' ultima parte dell'intervista, Howard completa il discorso e ci parla della sua personale visione del vino.

Read More

Wine2Wine Preview: intervista a Paul Howard

Wine2Wine Preview: intervista a Paul Howard

Tra gli argomenti di aggiornamento (e discussione) proposti dalla prossima edizione di Wine2Wine, il più misterioso per molti è sicuramente quello relativo alla blockchain. Per spiegare cos’è, e come può influenzare il mondo del vino, è stato chiamato il maggior esperto in materia: Paul Howard, wine writer indipendente e wine&food-travel blogger con una vasta esperienza nel mondo del vino e un particolare interesse per la biodinamica e questa nuova tecnologia. L’abbiamo intervistato, chiedendogli di anticipare i temi del suo intervento.

Read More

AveroBuzz, rinasce VinTank e rilancia la sfida

[In contemporanea con l'annuncio negli USA]

138 giorni. Tanti ne sono bastati per elaborare la perdita, riorganizzare il team, ripensare la strategia e trovare un acquirente in grado di garantire l'accesso a un mercato ben più grande della wine industry, quello dell'ospitalità e ristorazione, e infine annunciarlo al mondo.

VinTank, il software dedicato ai social media per il vino, riparte come AveroBuzz, marchio di Avero, società di New York costituita una quindicina di anni fa e specializzata in soluzioni software per il mondo dell'ospitalità, con oltre 35 mila clienti nel mondo tra ristoranti, hotel, casinò, night-club, navi da crociera, e qualsiasi attività del food & beverage dotata di un sistema POS per i pagamenti. Questo complesso eco-sistema verrà integrato con le funzioni vecchie e nuove di VinTank, garantendo ai professionisti dell'ospitalità nuove forme di relazione e ingaggio con i propri clienti, tramite:

  • il consolidamento della gestione della reputazione di marchio sulla base delle recensioni e conversazioni create sui siti come Yelp, TripAdvisor, Twitter, Facebook, e molti altri, tutto da una sola schermata;
  • la dotazione di potenti strumenti per la gestione del marketing digitale dei social media;
  • la capacità di fornire il servizio migliore ai propri ospiti attraverso gli strumenti più avanzati per il social CRM (Customer Relationship Management) nell'industria dell'ospitalità.

VinTank, prima della chiusura imposta lo scorso 31 luglio dai precedenti proprietari - W2O Group - era arrivata a monitorare oltre un miliardo di conversazioni sul vino all'anno, con 1.200 cantine clienti attive, e circa 50 milioni di social customers profilati.

 La homepage di avero

La homepage di avero

Per ricostruire la piattaforma, Avero ha raccolto un team di veterani dei social media, guidati da Paul Mabray, Matt Franklin e Robert Ford, i quali fanno ora parte della famiglia Avero.

La nuova versione del software si chiamerà AveroBuzz 1.0, verrà lanciata nei prossimi 30-60 giorni e verrà messa a disposizione delle cantine e di un numero selezionato di ristoranti. AveroBuzz 2.0 è attesa tra 4-6 mesi, e includerà molte nuove funzionalità specifiche per ristoranti e hotel.

Soddisfatto, e forse un po' incredulo, Paul Mabray, il fondatore e co-creatore di VinTank. Al di là delle dichiarazioni ovviamente di circostanza (vedi il comunicato originale qui sotto), ha pensato di accompagnare la notizia del rilancio di VinTank/AveroBuzz con una sorta di lettera aperta all'industria del vino (e non solo), pubblicata su Medium (che abbiamo letto in anteprima). Non mancano le notazioni personali nel racconto di Mabray, anche brutali e secche nel ricordare i difficili giorni della chiusura di VinTank e la successiva "elaborazione del lutto". Così come le amare considerazioni sull'incapacità dell'industria del vino ad aprirsi alle innovazioni e, conseguentemente, le difficoltà nel mantenere un'attività "tecnologica" solamente focalizzata sul vino. Fino al passaggio fondamentale:

"(...) most importantly we must see ourselves in a larger context to succeed. To transcend we need to not be in the wine business or the adult beverage business or even consumer package goods. We are much more than that. Like other hospitality and luxury companies we need to understand that we are in the experience business. Let me say that again, we are in the experience business. And to succeed in this larger (and arguably more exciting) arena the technologies we will need are tools to help us better understand and engage our customers".

"Siamo molto di più del solo settore del vino: siamo nel business dell'esperienza. Un contesto più ampio, dove già si muovono gli attori dell'ospitalità e del lusso. E per avere successo in questo nuovo contesto, abbiamo bisogno di strumenti potenti per capire e coinvolgere i nostri clienti".

Ecco la motivazione centrale che ispira la nuova sfida di questo pugno di innovatori, e che dovrebbe indurre ad approfondite riflessioni anche tutti noi.


Il comunicato stampa ufficiale.

Avero Announces New Reputation and Social Media Management Tools

NEW YORK, NY – December 15, 2016 -- Avero announced today the acquisition of winery social media and reputation management software VinTank. Considered “Mission Control for Customer Conversations”, VinTank formerly powered over 1,200 wineries, while processing and analyzing 1 billion social media conversations annually. To rebuild this new and exciting software, Avero has assembled a team of social media veterans led by VinTank’s Paul Mabray, Matt Franklin, and Robert Ford, who will all join the Avero family.

The VinTank software will be rebranded as AveroBuzz. AveroBuzz will be a revolutionary new way for hospitality companies to manage and engage with customers by:

  • Consolidating their reputation management for customer review sites like Yelp, TripAdvisor, Twitter, Facebook, and much more into a single dashboard.
  • Delivering incredibly powerful tools to manage their social media marketing.
  • Enabling them to deliver better service for each guest with the most advanced social CRM tool for the hospitality industry.

“Our customers look to us to help expand their marketing capabilities, and with the growth of social media and the importance of reputation management in the hospitality industry, this was a natural addition to the Avero family,” said Avero President and CFO Douglas Hsieh. 

Avero will launch the first version of the new AveroBuzz software within the next 30-60 days, and will start by servicing wineries and select restaurants. AveroBuzz 2.0 is expected to be released in 4-6 months, and will include a swath of new features specific to restaurants and hotels. 

“Joining the Avero team to build AveroBuzz is an amazing continuation of our vision to transform customer experiences using digital context,” said Paul Mabray, formerly Chief Strategy Officer at VinTank. “We are so excited to become part of the Avero family and bring these new features beyond wine.”

About Avero

Created by restaurant operators for restaurant operators, Avero is the trusted technology partner for the hospitality industry. We empower over 35,000 restaurant professionals with the answers they need to transform their businesses and their lives, getting them out of the back office and into the kitchen with their staff, onto the floor with their guests, and at home with their families. Learn more at www.averoinc.com

Droni, sensori e schede Arduino: così l'innovazione aiuta l'agricoltura

Droni, sensori e schede Arduino: così l'innovazione aiuta l'agricoltura

Se è vero, come è vero, che la storia e l'evoluzione dell'agricoltura vanno di pari passo con lo sviluppo tecnologico umano e quello di conoscenze o tecniche di coltivazione, come si è passati dalla lavorazione a mano a quella con la forza animale a quella meccanica, non c'è dubbio che quelli attuali siano tempi di una nuova tecnologia e di nuove scoperte scientifiche. Imparare a conoscerle per gestirle nel modo migliore, anziché rifiutarle a priori o diffidarne, è la cosa più sensata che si possa fare, soprattutto quando queste nuove tecnologie (e scienze) si presentano più amiche dell'ambiente delle precedenti. 

Read More